L’errore più grande che possiamo commettere nella ricerca della felicità è nel cercarla in circostanze esterne. Visto che non possiamo controllare né gli avvenimenti né le persone se permettiamo che la nostra felicità dipenda da loro, abbiamo già perso in partenza.

allenare la felicità scopri due eserciziLa felicità è uno stato d’animo che dobbiamo ricercare dentro di noi, smettendo di incolpare gli altri se non riusciamo a raggiungerla. Dobbiamo imparare a capire che si può essere felici indipendentemente da quello che ci succede, l’importante è come reagiamo alla vita.

La cosa positiva della felicità è che si può allenare e tra pochissimo vedremo insieme due esercizi per aumentarla.

Le persone felici normalmente hanno in comune tre attitudini: la concentrazione, il voler aiutare gli altri e la gratitudine.

Vivi nel presente per allenare la felicità

Troppo spesso ci allontaniamo dalla felicità perché non siamo in grado di concentrarci sul presente e di scorgere le cose belle che ci succedono. Perché sia chiaro che nella vita di tutti noi succedono cose belle: una chiamata, una sorpresa, un paesaggio nuovo o un dettaglio che non si era mai notato. La felicità la troviamo nelle piccole cose e nei piccoli gesti, quelli in grado di suscitarci emozioni profonde. La felicità che deriva da oggetti lussuosi è solo momentanea, proprio per quello è bene cercarla in tutt’altro genere di situazioni. Se riusciamo a concentrarci su quello che stiamo facendo riusciremo a notare mille sfaccettature che troppo spesso non notiamo.

Aiuta gli altri per aumentare la felicità

Aiutare gli altri, renderci utili e fare la differenza ci fa sentire bene e ci rende felici. Aiutare persone o animali in difficoltà regala uno stato di benessere oltre che da un senso alla vita. Quando sentiamo di fare la differenza, di aver fatto la cosa giusta, immediatamente siamo pervasi da un senso di benessere, siamo soddisfatti di noi e… felici di quello che siamo e di quello che abbiamo fatto.

Esprimi gratitudine per allenare la felicità

Infine e di certo non per importanza parliamo della gratitudine. La gratitudine è l’arte di apprezzare ciò che già abbiamo perché, per quanto ci lamentiamo, non dobbiamo mai e poi mai scordare che siamo persone fortunate. Tanto per cominciare abbiamo avuto la grandissima fortuna di nascere dalla parte del mondo fortunata. Quella parte di mondo dove non ci sono guerre, dove ci sono diritti, cibo e acqua. E se ti viene da pensare che i diritti sono pochi e mal garantiti pensa a quanti bambini non hanno da mangiare o sono obbligati a lavorare nelle miniere. In fondo a noi non manca davvero niente ma, nella maggior parte dei casi, non sappiamo apprezzarlo.

Esercizi per allenare la felicità

Allenare la felicità diario della gratitudineIl diario della gratitudine

Ogni giorno a fine giornata ritagliati cinque minuti per scrivere il tuo diario della gratitudine. Crea un elenco di almeno 5 cose di cui sei grato. All’inizio dovrai proprio fermarti a pensarci, ma più lo farai e più la tua mente si allenerà a trovare le cose belle della tua vita e di conseguenza sarai più felice. Quando ti senti triste o hai l’idea che tutto va male apri il diario e rileggilo. In una manciata di secondi ritroverai la tua serenità.

Allenare la felicità con il barattolo della gratitudineIl barattolo della gratitudine

Sulla stessa linea del diario puoi creare un barattolo. Questo esercizio è stato inventato dalla scrittrice Elizabet Gilbert. Ogni giorno scrivi su un foglietto il momento più bello della tua giornata, piegalo e mettilo nel barattolo. Anche questo esercizio serve a focalizzare l’attenzione sui momenti belli della vita. A fine anno o quando ti senti triste rileggi i bigliettini e sentirai una sferzata di energia positiva.

Allenare la felicità esprimi gratitudineCosa scrivere sul diario delle gratitudini o sui fogliettini per il barattolo

Son certa che qualcuno starà pensando che non ha momenti belli da raccontare. Non è davvero possibile. Ogni giorno, nella vita di tutti, ci sono momenti piacevoli: una telefonata fatta o ricevuta, un paesaggio nuovo, un dettaglio mai visto prima, un messaggio di un amico, qualcosa di inaspettato, qualcosa che hai costruito a fatica, un emozione vissuta… tutti abbiamo momenti piacevoli, dobbiamo solo allenarci a vederli.