Ecco come includere gli animali nel testamento

Capita spesso che chi ha animali vorrebbe includerli nel testamento per assicurargli una vita felice quando non ci si potrà più prender cura di loro personalmente.

Al contrario di altri paesi in Italia non si possono nominare gli animali come eredi diretti, può quindi accadere che le persone designate a prendersene cura non se ne occupino come dovrebbero. Basta pensare a quanti animali, siano essi cani o gatti, finiscono in canile o gattile alla morte dei proprietari. Molto spesso, purtroppo, gli eredi intascano i beni materiali rinunciando alla custodia degli animali.

Garantire una vita dignitosa ai nostri animali quando purtroppo noi non ci saremo è possibile ma bisogna informarsi ed organizzarsi per tempo. E’ infatti necessario indicare come erede diretto una persona fisica o giuridica sia essa un’associazione o una fondazione di fiducia, che amministri l’eredità assicurandosi che l’animale venga accudito e curato in base alle disposizioni lasciate.

Lav ed Enpa organizzano incontri e formazioni per spiegare come tutto questo puo’ essere possibile.

La Lav sta organizzando una serie di incontri.
Ecco qui il calendario dei prossimi eventi:

  • Domenica 07 maggio Venezia – Dalle 10.00 alle h 13.00 – Hotel Ai Pini, Via Miranese 176. A seguire un rinfresco offerto dalla LAV.
  • Sabato 06 maggio Vicenza – Dalle 10.00 alle h 13.00 – Hotel De La Ville, Viale Verona, 12. A seguire un rinfresco offerto dalla LAV.
  • Sabato 11 marzo Brescia – Dalle 10.00 alle h 13.00 – Best Western Hotel Master, Via Apollonio 72. A seguire un rinfresco offerto dalla LAV.
  • Sabato 5 novembre Genova – Dalle 10.00 alle h 13.00 – Colombus Sea Hotel, Via Milano, 63. A seguire un rinfresco offerto dalla LAV
  • Sabato 8 ottobre Trento – Dalle 10.00 alle h 13.00 – Accademia Hotel, Vicolo Colico 4/6. A seguire un rinfresco offerto dalla LAV.

L’Enpa invece ha preparato una guida sul suo sito della sezione Milano, che potrete leggere e visionare con calma a questo link.

RISPONDI

38 + = 43